Comando subacquei ed incursori

Pubblicato: marzo 18, 2011 in forze militari

Il Comando Subacquei ed Incursori (conosciuto anche con l’acronimo di COMSUBIN), il cui nome ufficiale è Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei, è il Raggruppamento della Marina Militare incaricato anche di svolgere le operazioni di guerra non convenzionale in ambiente acquatico.

La sede del raggruppamento è situata al Varignano, il promontorio che costituisce l’estremita’ ovest del porto di La Spezia e subito ad est di Porto Venere.

Organizzazione

Il Comsubin comprende due reparti operativi combattenti: il GOI ed il GOS.

  • il GOI, Gruppo Operativo Incursori, è l’unità di attacco. Le attività attuali comprendono tutte le tecniche di attacco non convenzionale ad unità navali in mare, in porto ed alla fonda, l’abbordaggio di navi, la posa di mine, le infiltrazioni di personale per missioni HUMINT o di supporto al tiro di artiglierie navali e le missioni di attacco diretto ad obiettivi di interesse della Marina Militare. Fino alla creazione di GIS e NOCS, il Comsubin era l’unica unità italiana addestrata alla liberazione di ostaggi.
  • il GOS, Gruppo Operativo Subacqueo, è l’unità di palombari e sommozzatori specializzata nella bonifica dalle mine, nella bonifica dai vari ordigni trovati in mare (ad esempio bombe d’aereo inesplose, munizioni, navi cariche di esplosivo, eccetera), e nel soccorso dei sommergibili e sottomarini. È compito del GOS anche la difesa subacquea delle unità della MMI in porto, sia tramite interventi anti-sabotaggio nei confronti di eventuali incursori ostili, sia tramite controlli delle carene delle navi per accertarsi dell’assenza di ordigni. È il punto di riferimento italiano per la dottrina e le attrezzature delle immersioni. L’unità è nata nel 1954 dalla riorganizzazione di strutture precedenti. La prima scuola palombari italiana nacque a Genova nel 1849. Il GOS è stato utilizzato anche per attività di protezione civile, quali il recupero di un automezzo inabissato in un lago.

Oltre a questi reparti, sono inseriti nel Comando Subacquei ed Incursori anche:

  • il Gruppo Navale Speciale
  • il Centro Studi
  • il Gruppo Scuole
  • il Gruppo Logistico

 

Annunci

Bacopa monnieri

Pubblicato: marzo 17, 2011 in salute e benessere

 

Bacopa monnieri è un tonico ayurvedico reputato (chiamato “Brahmi” in riferimento al Dio creatore del pantheon induista, Brahma) il cui uso risale a più di 3.000 anni e la cui attività dimostrata è notoriamente oggetto di studio da una durata di 30 anni. I soggetti trattati migliorano acquisizione e ritenzione in memoria e danno prova di una rapidità di reazione superiore. L’anziano primo ministro indiano Inder K. Gujral e il gran maestro dello scacchiere Vishwanathan Anand sono degli utilizzatori proseliti di bacopa.

  • La bacopa migliora in modo significativo la capacità di apprendimento. I bambini supplementati con bacopa danno prova di rapidità e di precisione superiore. In modo meraviglioso, essi danno prova di una curiosità intellettuale superiore e optano preferibilmente per le nuove esperienze piuttosto che per le revisioni.
  • La bacopa agisce rapidamente (i primi miglioramenti cognitivi sono osservati nei 90 minuti dopo l’ingestione) e ha permesso di ridurre da 10 a 6 giorni i tempi necessari all’apprendimento di un lavoro complesso.
  • La bacopa agisce aumentando la sintesi proteica nell’ippocampo, una regione del cervello strumentale nella memorizzazione a lungo termine, e questo in modo dose dipendente. Secondo il premio Nobel Dr Robert Furchgott, la Bacopa agisce accrescendo la produzione di monossido di azoto (NO) un messaggero chimico di importanza essenziale.
  • In condizioni di stress associate alla privazione del sonno, la somministrazione di bacopa permette di ridurre le concentrazioni di glutammato e di accrescere quelle del GABA nelle differenti zone cerebrali. I livelli di ansia sono ridotti di circa il 20% e la fatica mentale è diminuita. I livelli di serotonina ( un neuromediatore inibitore ) sono accresciuti.
  • In uno studio su 19 bambini iperattivi, risultati positivi sono stati dimostrati in tutti i soggetti dopo 4 settimane, con una notevole assenza di effetti secondari.
  • Secondo Sharma et al. la somministrazione di Bacopa permette di migliorare l’intelligenza e le funzioni intellettuali che sembrano tuttavia essere essnzialmente determinate dal genotipo. Queste conclusioni si appoggiano su diversi studi e il fatto che la bacopa permette d’influenzare le funzioni psiconeurologiche associate al comportamento intellettuale apre delle prospettive realmente appassionanti.
  • Infine, altri risultati suggeriscono che la bacopa possiede delle proprietà antiossidanti significative, ed è efficace nella sindrome del colon irritabile e riduce leggermente l’ipertensione migliorando la funzione respiratoria in situazioni di stress.

 

Oggi, molti di noi si sentono fieri ed orgogliosi dell’unità dell’ITALIA, unione che è stata pagata con il sangue ed il sudore di nostri molti antenati.. ooh molte GUERRE sono state scatenate per la smania di potere di certi “EROI” che non hanno mai combattuto, ebbene molti di noi sono gli stessi che OSANO FISCHIARE e denigrare i nostri ragazzi dell’ESERCITO italiano impegnati nelle missioni di PACE!

 

Dalla tavola ai laboratori delle università di tutto il mondo: arriva dall’Asia il fungo che soddisfa il palato e migliora la salute.

FUNGHI SHIITAKE

Lentinus Edodes

abbassano il colosterolo, antiossidanti, anti radicali liberi, prevengono le malattie infettive
e degenerative utile nelle disfunzioni sessuali

FUNGHI SHIITAKE
Il nome deriva  da “Shii” (quercia) e “Take” (fungo) provengono dall’Estermo  I Funghi Shiitake sono diffusi  nella Cina e  sono parte integrante della dieta Giapponese. Crescono spontaneamente sui tronchi di questi alberi ( quercie) . Si trovano in commercio nei composti a base  di erbe in compresse.
PRINCIPI ATTIVI FUNGHI SHIITAKE
Sono ricchi  di proteine vegetali, ferro, fibra, minerali e vitamine sono poveri di contenuti calorici
Contengono  vitamine B1, B2, B6, B12 e D2,  alti contenuti in Riboflavina e Niacina. La eritadenina  è un aminoacido in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, prevenendo l’indurimento delle arterie e di riflesso anche l’ipertensione arteriosa.Contiene inoltre LENTINIA uno zucchero che stimola la produzione di linfociti T e cellule killer, importanti  nella prevenzione dei radicali liberi ( con anzione preventiva antitumorale nel tratto intestinale,   epatico, nello stomaco, nel polmone ed ovaie)  e delle infezioni in genere. L’ ERITADENINA è un aminoacido   in grado di abbassare il colesterolo, previene l’indurimento delle arterie e di riflesso anche l’ipertensione arteriosa Contengono inotre un induttore di interferone, l’ ERGOSTEROLO che è  uno steroide vegetale il quale  viene convertito in vitamina D a seguito dell’esposizione ai raggi ultravioletti,  che sono utilizzati nell’essiccazione dei funghi.  L’acido linoleico contenuto negli Shiitake viene convertito dall’organismo in diversi tipi di prostaglandine. Contiene  INTERFERONE ( alfa-interferone e gamma-interferone) , un induttore dell’interferone  che aiuta a contrastare le forme virali
Queste sostanze vennero per la prima volta isolate nel liquido seminale e si ritenne che fossero escrete dalla ghiandola prostatica. Oggi invece si sa che esse sono prodotte in molti tessuti dell’organismo. La prostaglandina E1 è utilizzata nell’uomo per favorire l’erezione, tramite iniezioni intramuscolari ( dietro indicazione medica) Il 75% dei grassi presenti nei funghi è rappresentato da acido linoleico. La lentinia, stimola la produzione di linfociti T, i quali stimolano a loro volta la produzione di prostaglandina E1. Uno degli enzimi presenti negli Shiitake, la superossidodismutasi, è in grado di far diminuire la perossidazione dei lipidi, elemento  importante nella prevenzione delle malattie coronariche e degenerative.
La GLUTAMMINA  è l’amminoacido a più alta concentrazione contenutia negli Shiitake, è essenziale per i muscoli e in caso di traumi o dopo operazioni chirurgiche. L’ARGININA  è un altro aminoacido presente negli Shiitake. Come Aminoacidi contengono   glicina, serina, metionina e cisteina, Zinco  il quale è essenziale anche per l’attività sessuale maschile, contiene inoltre anche 50 diversi enzimi tra i quali: lipasi, cellulasi, ed enzimi digestivi come la pepsina, tripsina, asparaginasi.
Contiene la Chitina che aiuta ad abbassare il colesterolo.Gli antiossidanti, vitamine A, E, C ed il selenio,che stimolano la produzione di interferone, con  effetti antivirali e quindi anche  con azione protettiva  verso le  malattie degenerative.
ATTIVITA FUNGHI SHIITAKE
Donano vigore  e preservano  la  vitalità, aiutano   i processi digestivi, possiedono attività antivirali, alzano le difese immunitarie e sembra che abbiamo attività di prevenzione del cancro ( sentire sempre il proprio medico se si è in presenza di gavi patologie, e seguire una alimentazione e uno stile di vita adeguati) Abbassano il colesterolo, riducono la pressione arteriosa prevengono i problemi trombotici e di emboli, diminuiscono la viscosità sanguigna.La LENTINA  è in grado di potenziare l’effetto dell’AZT nel trattamento antivirale contro l’AIDS.( SENTIRE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO CURANTE)  abbassando il colesterolo e migliorando la circolazione sono utili nei problemi di impotenza sessuale, stimolano  anche le endorfine
SHIITIAKE USI ALIMENTARI
hanno un odore ed un aroma particolare. Nella cucina orientale, sono considerati una parte essenziale della dieta quotidiana.
Si trovano in forma secca nei negozi di alimenti naturali e biologici
SHIITAKE USO COSMETICO
Alcuni suoi fito-estratti, inoltre, sono impiegati nell’industria cosmetica per la realizzazione di creme dall’effetto “anti-età”.

Argento colloidale

Pubblicato: marzo 17, 2011 in salute e benessere

ARGENTO COLLOIDALE: IL PIU’ POTENTE ANTIBIOTICO A LARGO SPETTRO

  • LA RISCOPERTA DELL’ARGENTO COLLOIDALE.

Prima dell’avvento degli antibiotici nel 1938 l’argento colloidale era considerato come uno dei fondamentali trattamenti per le infezioni. E’ stato provato essere efficace contro più di 650 differenti malattie infettive, a confronto degli antibiotici chimici che FORSE lo sono contro una mezza dozzina.

  • GLI USI DELL’ ARGENTO COLLOIDALE PRIMA DEL 1938.

La seguente è una lista parziale di alcuni usi documentati dell’uso dell’argento, particolarmente nella forma colloidale per il trattamento di varie malattie e agenti patogeni.

Acne, artrite, ustioni, avvelenamento del sangue, cancro, candida albicans, colera, congiuntivite, cistite, difterite, diabete, dissenteria, eczema, fibrosi, gastrite, herpes, herpes zoster (fuoco di S.Antonio), impetigine, infiammazione della cistifellea, infezioni da lieviti, infezioni oftalmiche, infezioni dell’orecchio, infezioni alla prostata, infezioni da streptococchi, influenza, problemi intestinali, lebbra, leucorrea, lupus, malaria, meningite, morbo di Lyme (borelliosi), pertosse, piede d’atleta, polmonite, pleurite, reumatismi, riniti, salmonellosi, scarlattina, seborrea, setticemia, tumori della pelle, verruche, sifilide, tubercolosi, tossiemia, tonsillite, tracoma, ulcere.

Il ritorno dell’argento in medicina risale ai primi anni ’70. Il dott. Carl Moyer, presidente del Washington Department of Surgery, ricevette un contributo per sviluppare migliori trattamenti per le vittime di ustioni. Il dott. Margraf, biochimico, lavorò con il dott. Moyer e altri chirurghi per trovare un antisettico abbastanza forte ma anche sicuro da usare su ampie parti del corpo. Il risultato dei loro sforzi fu quello di trovare centinaia di nuovi utilizzi medici per l’argento. Quella colloidale è l’unica forma di argento che può essere usata con sicurezza come integratore. E’ assorbito nei tessuti lentamente così da non causare irritazioni, diversamente dal nitrato di argento, che, data la sua azione tossica, reagisce violentemente con i tessuti del corpo. Le particelle colloidali si diffondono gradualmente attraverso il sangue fornendo un’azione terapeutica prolungata nel tempo. Molte forme di batteri, funghi e virus utilizzano un’enzima specifico per il loro metabolismo. L’argento agisce come catalizzatore disabilitando l’enzima. I microrganismi in questo modo soffocano. Per le forme di vita primitive come i microrganismi, l’argento è tossico come i più potenti disinfettanti chimici. Non c’è alcun organismo nocivo che possa vivere in presenza di anche minuscole tracce di semplice argento metallico. Secondo tests di laboratorio, batteri distruttivi, virus e funghi sono eliminati nel giro di pochi minuti di contatto. Il dott. Larry C. Ford del Department of Obstetric and Gynecology, UCLA School of Medicine, USA, in una lettera datata 1 novembre 1988 scrive che le soluzioni di argento hanno proprietà battericida e fungicida per la Candida Albicans e la Candida Globata. Il dott. E.M. Crooks ha dichiarato che l’argento colloidale elimina organismi patogeni in tre o quattro minuti di contatto. Infatti non c’è microbo conosciuto che non sia ucciso dall’argento colloidale in sei minuti o meno e senza produrre effetti secondari. L’argento colloidale è efficace contro parassiti, infezioni, influenza, e fermentazione. E’ senza gusto, senza odore e non tossico. E’ efficace ai pasti come aiuto alla digestione in quanto impedisce la fermentazione dei cibi nell’intestino. Non macchia la pelle, diversamente da alcuni preparati farmaceutici a base di argento che lo fanno in maniera notevole. Il dott. L. Keene (John Hopkins University) ha affermato che dal punto di vista terapeutico, solo i metalli colloidali presentano la necessaria omogeneità, le dimensioni delle particelle, la purezza e la stabilità per un grande risultato terapeutico. Uno degli indicatori critici della qualità dell’argento colloidale è il colore. Come le particelle aumentano di dimensione, il colore della sospensione diventa da giallo a marrone poi da rosso a grigio e quindi a nero. La forma ideale è quella con senza colore oppure un leggera tendenza al giallo. Il suo utilizzo fu interrotto a causa del costo di produzione che nei primi del ‘900 era molto alto. La disponibilità della penicillina e quindi dei moderni e più economici antibiotici ne causarono il temporaneo abbandono. Oggi, con i moderni processi di produzione, il costo è notevolmente sceso e quindi molte persone potranno permettersi questo meraviglioso prodotto. Jim Powel scrisse nella rivista Science Digest (marzo 1978) un articolo intitolato “Il nostro più potente germicida”. ” Grazie a illuminate ricerche, l’argento sta emergendo come una meraviglia della moderna medicina. Un antibiotico può eliminare FORSE una mezza dozzina di organismi nocivi, mentre l’argento ne uccide circa 650. Non si sviluppa resistenza. Inoltre l’argento e praticamente non tossico”. Uno dei pionieri della ricerca sull’argento, il dott. Harry Magat di St. Louis (USA) ha dichiarato: ” L’argento è il miglior germicida di ampio spettro che possediamo.” Prima del 1938 l’argento colloidale era somministrato proprio come oggi lo sono le moderne medicine. Era iniettato sia per via endovena che intramuscolare, usato come gargarismo per malattie della gola, come lavaggi o irrigazioni, preso oralmente e applicato esternamente anche su tessuti sensibili e come gocce per gli occhi.

  • FORNITO DALLA NATURA.

L’argento si trova naturalmente nel terreno come minerale-traccia ed è uno degli elementi essenziali richiesti dalle piante, dagli animali e dall’uomo. Una volta lo ottenevamo naturalmente da terreni organici per mezzo della frutta, delle verdure, noci, grano e legumi. Oggi, la maggior parte delle piante cresce su terreni impoveriti e fertilizzati chimicamente, molti dei minerali importanti come ferro, zinco, rame, magnesio e cromo e minerali-traccia come l’argento non sono più disponibili per la nostra alimentazione. Il dott. Gary Smith, un ricercatore, ha indicato che l’argento può essere collegato con l’appropriato funzionamento delle naturali difese del corpo e che le persone con un insufficiente apporto di argento nella dieta possono essere predisposte alle malattie.
Tests medici non hanno trovato effetti collaterali dall’uso di argento colloidale prodotto in modo appropriato e non si sono registrate interazioni o interferenze con altri medicinali. Studi di laboratorio hanno stabilito che il vero argento colloidale ha un effetto trascurabile sulla flora batterica, mentre è fortemente efficace contro le infezioni e per eliminare vari microbi, virus, funghi, ecc.

  • USATO DALLA NASA.

L’ente aerospaziale americano, NASA, ha ricercato 23 differenti metodi per purificare l’acqua e ha scelto un sistema a base di argento per i suoi space shuttle. Non solo la NASA, ma più di metà delle compagnie aeree mondiali usano filtri all’argento per l’acqua al fine di proteggere i passeggeri da malattie e da dissenteria. Anche i Russi nelle loro stazioni spaziali utilizzano filtri di argento negli impianti idrici. L’argento colloidale è insapore, inodore e non brucia su parti sensibili.
Può essere preso per via orale, messo su una garza o cerotto e applicato direttamente su tagli, graffi, ferite aperte, ustioni, porri e verruche o usato su acne, eczema e irritazioni della pelle.
Si possono fare gargarismi, mettere gocce negli occhi, per irrigazioni vaginali, anali, atomizzato o inalato dal naso o attraverso i polmoni.

  • LE ESPERIENZE DI ALCUNI MEDICI.

Il dottor Robert O. Becker, dalle sue ricerche e sperimentazioni sull’uso dell’argento in medicina, ha dedotto che la deficienza di argento nell’organismo è responsabile dell’improprio funzionamento del sistema immunitario e che l’argento è di beneficio non solo per combattere i microrganismi patogeni. Infatti può anche essere di aiuto nella maggiore stimolazione della ricrescita di tessuti danneggiati, per persone ustionate e persino i pazienti più anziani hanno notato un più rapido ristabilimento. Qualsiasi varietà di germi patogeni resistenti agli antibiotici sono eliminati dall’argento. Il dott. Bjorn Nordstrom, del Karolinska Institute, Svezia, ha utilizzato per molti anni l’argento quale trattamento per il cancro. Ha raccontato di aver guarito pazienti che erano stati abbandonati da altri medici perché considerati ormai incurabili. Il dott. Gary Smith, un medico ricercatore, sostiene che l’argento possa essere collegato al corretto funzionamento delle difese immunitarie del corpo.

SICURO ED EFFICACE, TUTTI I BATTERI, FUNGHI E VIRUS DANNOSI SONO DISTRUTTI ENTRO 6 MINUTI DI CONTATTO CON L’ARGENTO E NESSUN ORGANISMO PATOGENO PUÓ SOPRAVVIVERE IN PRESENZA ANCHE DI MINUSCOLE TRACCE DI ARGENTO.

Prima del 1938 l’argento colloidale era considerato uno dei fondamenti del trattamento antibiotico. Quando furono scoperti gli antibiotici l’uso dell’argento fu abbandonato

  • LE PIÚ IMPORTANTI QUALITÁ.

L’argento è efficace contro 650 fra germi, funghi e virus patogeni. Aiuta a ridurre le infiammazioni e favorisce la stimolazione della ricrescita dei tessuti danneggiati.
È un rimedio per le infezioni
Favorisce un rapido risanamento.
Aiuta a rinforzare le naturali difese del corpo (quando preso giornalmente).
Non si conoscono effetti collaterali o tossicità.
Può essere preso sia internamente che per uso esterno.
Ricavato dall’ elemento minerale purissimo: l’argento (non contiene sostanze chimiche).

  • CARATTERISTICHE DINAMICHE.

Uno dei migliori e più sicuri antibatterici generali conosciuti.
Sicuro nell’utilizzo, anche su bambini.
Non si sono registrate incompatibilità dell’uso con altri farmaci.
Senza odore né sapore, sicuro anche per l’uso negli occhi e orecchie.
L’organismo non sviluppa dipendenza o intolleranza.

  • UNICO AVVERTIMENTO:

Donne in gravidanza o persone allergiche ai minerali-traccia dovrebbero consultare un medico prima di assumere il prodotto.

  • USO SUGGERITO:

Per un miglior utilizzo, tenere 20 gocce sotto la lingua per circa un minuto, poi deglutire e quindi bere un bicchiere di acqua o succo di frutta. Ripetere anche 3 volte al giorno se necessario. Non si conoscono reazioni secondarie a somministrazioni notevolmente superiori a quelle consigliate (anche 100ml/giorno) . L’acqua può essere purificata aggiungendo mezzo cucchiaio da cucina ogni 3,5 litri, agitare bene e attendere 6 minuti prima di bere.

Tratto da http://www.naturmedica.com/argentocolloidale/intro.html

In due casi su tre gli organi trapiantati in Cina arrivano dai prigionieri condannati a morte e giustiziati. A lanciare l’allarme dal quotidiano di Stato “China Daily” sono le stesse autorità sanitarie del gigante asiatico, dove le esecuzioni capitali sono 8 mila l’anno: più di quelle complessivamente registrate in tutto il resto del pianeta.

Sotto l’egida della Croce rossa, la Cina ha varato un nuovo programma nazionale per la donazione di organi. L’obiettivo è rivoluzionare il sistema dei trapianti oggi alimentato in gran parte dai condannati a morte: «una fonte di organi inadeguata» , avverte il viceministro della Sanità Huang Jiefu.

Ma al progetto per cambiare i meccanismi della donazione di organi hanno aderito dal 2003 soltanto 130 persone, riferisce Chen Zhonghua, dell’Istituto per i trapianti d’organo del Tongji Hospital di Pechino. Risultato: circa un milione di cittadini cinesi sono in attesa di un organo, ma solo l’1% viene trapiantato in un anno. Il nuovo sistema che la Cina sta promuovendo «è nel pubblico interesse – assicura Huang – e avvantaggerà i pazienti indipendentemente dal loro status sociale. I trapianti non dovrebbero essere un privilegio dei ricchi», incalza infatti il viceministro. Eppure, ammette, alcuni ospedali «ignorano le procedure legali per ottenere profitti dagli organi dei prigionieri condannati a morte». Accade ad esempio che i potenziali donatori vengano persuasi a firmare documenti in cui si dichiarano parenti o «emotivamente legati» a potenziali riceventi economicamente benestanti.

Il nuovo programma nazionale punta invece a prevenire il cosiddetto «turismo dei trapianti», in cui ricchi stranieri pagano per avere organi negli ospedali cinesi. La Cina ha messo al bando il traffico di organi umani nel 2006.

I bambini invisibili del deserto

Pubblicato: marzo 17, 2011 in solidarietà

Sui marciapiedi, bambini di strada, camminano lenti senza speranza, le mani tremanti e
il volto scavato di chi non ha niente. Piccoli schiavi venduti al mercato,sono milioni di facce,
di occhi innocenti,nessuno li sente?!
Alcuni soldati, altri spacciano droga,storie di fame, violenze e ingiustizie, d’inganni nei loro sguardi c’è orrore,c’è tanta tristezza, non entra mai il sole un’infanzia è negata, senza ali per volare troppe le vite
spezzate, sfruttate di bambini che hanno diritto di sognare…

www.bambinineldeserto.org/
www.africamilkproject.org